Sabato, 16 Dicembre 2017
{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}

BUSINESS NEWS

Presentato il decimo rapporto ISPRA sulla Qualità dell’ambiente urbano

Il 18 dicembre si è svolto il convegno di presentazione del X Rapporto "Qualità dell'ambiente urbano", frutto del lavoro coordinato e condiviso dall'intero Sistema Agenziale ISPRA/ARPA/APPA e della collaborazione con Enti e Istituti di livello nazionale.

L'edizione 2014 del Rapporto presenta i dati relativi alle principali tematiche ambientali in 73 Comuni capoluogo di provincia, con l'obiettivo di divulgare la migliore informazione ambientale disponibile a livello nazionale.

Consumo di suolo, mobilità, verde, qualità dell'aria, rifiuti sono solo alcuni dei grandi temi trattati nel X Rapporto ISPRA sulla "Qualità dell'ambiente urbano" al fine di restituire ai vari soggetti interessati (amministratori, tecnici, cittadini) un corpus di informazioni sempre più completo, solido, confrontabile e utile ad approntare politiche di sostenibilità alla scala locale.
Ad accompagnare il Rapporto aree urbane, un Focus di approfondimento tematico su "Le città e la sfida dei cambiamenti climatici" ricco di contributi scientifici multidisciplinari sui temi di adattamento e mitigazione e il volume "L'AMBIENTE URBANO: CONOSCERE E VALUTARE LA COMPLESSITA'" che rappresenta la prima esperienza di valutazione integrata sull'ambiente urbano svolta dal Sistema Nazionale per la Protezione dell'Ambiente (ISPRA/ARPA/APPA).

Dal rapporto emergono dati incoraggianti ed a tratti contraddittori.

E' del 50% il calo delle emissioni di PM10 registrato nel settore dei trasporti su strada in 12 anni, periodo in cui scendono del 63% anche quelle del settore industriale, ma le concentrazioni rimangono ancora troppo alte.

 

In linea generale, si preferisce la provincia alla città, ma ci si sposta sempre di meno. Si dichiara di voler usare il trasporto pubblico, ma l’offerta cala nella maggioranza delle aree urbane e l’auto privata detiene ancora il primato. Bene invece il sistema di metropolitane.
Ancora, in Italia nascono nel 2013 circa 600 imprese in più rispetto al 2012, ma il numero di quelle cessate è il più alto degli ultimi 5 anni: è questa la situazione delle 73 città, comuni capoluoghi di provincia con popolazione superiore ai 50.000 abitanti e tutti i capoluoghi di regione, esaminate dal
Rapporto ISPRA sulla Qualità dell’Ambiente Urbano 2014, giunto alla sua decima edizione.

Per tutti gli aggiornamenti visitate la pagina dedicata sul sito dell'ISPRA

(Fonte ISPRA)

L'informazione geografica e il geospatial è l'infrastruttura di base per la crescita delle smart cities, in special modo nelle città storiche.

Newsletter

Sottoscrivi la nostra newsletter. Non perdere alcuna notizia.

Non facciamo spam!

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo