Lunedì, 26 Giugno 2017
{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}

Barcellona, una smart city che ha introdotto l'internet delle cose nella sua vita

#Barcellona

Anche oggi vi parleremo di "internet delle cose" e di una città europea che sta crescendo sempre di più il suo potenziale in ambito "smart city", ovvero Barcellona e la sua capicità di introdurre innovazione.

Molte città ormai stanno comprendendo i nuovi orizzonti che può dare l'internet delle cose, e tra queste città vi è Barcellona che ha iniziato dal 2012 ad implementare tecnologie rispondenti alle esigenze dei sistemi urbani, tra cui il trasporto pubblico, parcheggio, illuminazione stradale, e la gestione dei rifiuti. Queste innovazioni hanno prodotto significativi risparmi sui costi, migliorato la qualità della vita dei residenti, e ha reso la città un centro per la giovane industria degli oggetti.

La Spagna è stato tra i paesi più colpiti dalla recessione del 2008, e di fronte a queste sfide economiche, Barcellona ha sfruttato la tecnologia per trasformarsi in un modello di data-driven, di rilevamento, di sistemi urbani intelligenti. Nel 2011, è stata avviata una piattaforma di innovazione tecnologica per i servizi della città; è stata formata una squadra di lavoro, Smart City Barcellona, ​​con il compito di integrare i progetti esistenti e di individuare nuove opportunità per migliorare i servizi per tutte le persone e le aziende della città.

Smart City Barcellona ha individuato 12 aree di intervento, compreso il trasporto, acqua, energia, rifiuti, ed ha avviato 22 programmi, comprendendo 83 progetti distinti nei sistemi urbani.

Nel lanciare il suo programma di internet delle cose, Barcellona è partita con una solida base: i vari progetti hanno permesso di stendere 500 chilometri di cavi in ​​fibra ottica all'interno della città. La rete in fibra fornisce al momento una copertura del 90% verso le case e serve come dorsale per i sistemi urbani integrati.

La rete in fibra funge da collegamento diretto per i residenti ed i visitatori del Barcellona. La città si avvale di un'infrastruttura in fibra in grado di fornire Wi-Fi in tutta la città.

Barcellona ha anche usato questa rete per l'internet delle cose attraverso i servizi urbani. Per migliorare l'efficienza energetica, la città ha installato 19.500 contatori intelligenti che monitorano e ottimizzano il consumo di energia in aree mirate della città. Nella gestione dei rifiuti, le famiglie depositano i rifiuti nei cassonetti intelligenti comunali che monitorano i livelli di rifiuti e ottimizzano i percorsi di raccolta, sviluppando anche piani per integrare il rilevamento di materiale proveniente da rifiuti pericolosi.

Nel trasporto, Barcellona ha perseguito una strategia multi-modale, attraverso l'uso di auto elettriche e bike sharing, mentre ha investito molto nel miglioramento dei sistemi di bus e parcheggio. Le nuove fermate degli autobus sono digitali con aggiornamenti sulla posizione del bus, stazioni di ricarica USB, WiFi gratuito, e strumenti di aiuto lato autisti e lato utenti.

Per gli autombilisti, Barcellona è stato implementato un sistema di sensori che li guida verso parcheggi disponibili. I sensori, incorporati in asfalto, possono percepire se un veicolo è parcheggiato in una data posizione: questo sistema ha ridotto la congestione del traffico e le emissioni.

La città contemporaneamente ha perseguito un piano strategico di efficientamento dell'illuminazione, pubblicato nel 2012, utilizzando tecnologie intelligenti per migliorare l'efficienza e l'utilità dei lampioni della città. Entro il 2014, più di 1.100 lampioni sono diventati a LED, riducendo il consumo di energia: quando le strade sono vuote, le luci si abbassano automaticamente per risparmiare ulteriore energia. I lampioni sono anche parte della rete WiFi della città, fornendo, accesso gratuito ad Internet per tutta la città. Inoltre, sono dotati di sensori che raccolgono dati sulla qualità dell'aria, trasmissione di informazioni alle agenzie di città e al pubblico. Complessivamente, questi miglioramenti hanno prodotto 30% di risparmio energetico in tutto il sistema di illuminazione urbana.

Al fine di massimizzare l'efficienza dei parchi della città, Barcellona ha anche implementato tecnologie dell'internet delle cose per percepire e controllare l'irrigazione dei ed i livelli di acqua nelle fontane pubbliche da remoto. L'utilizzo di sensori per monitorare la pioggia e l'umidità, serve ai lavoratori del parco in grado così di determinare la quantità giusta di irrigazione in ogni area.

Il programma, realizzato nel 68% dei parchi pubblici, ha aiutato la città a raggiungere un aumento del 25% nel risparmio di acqua, per un risparmio di circa 555.000 dollari all'anno.

Insieme, questi sistemi costituiscono una "rete delle reti", la generazione di dati che possono essere utilizzati  per migliorare le operazioni di città e dei cittadini che cercano di capire meglio il loro ambiente.

Questi miglioramenti hanno fatto rispamarmiare la città e hanno ridotto il consumo di energia ed acqua. Barcellona ha stimato che i sistemi dell'internet delle cose hanno contribuito a salvare 58 milioni di dollari in materia di acque, di avere maggiori ricavi dai parcheggio con 50 milioni dollari all'anno, e ha generato 47.000 nuovi posti di lavoro. Attraverso illuminazione intelligente, i rapporti della città dicono un risparmio di oltre 37 milioni di dollari all'anno.

Attraverso gli investimenti in internet delle cose in favore dei sistemi urbani, Barcellona ha raggiunto una serie di benefici. Dalla riduzione della congestione del traffico e alle emissioni più basse, al risparmio sui costi in acqua ed energia, allo sviluppo economico, l'impegno della città per creare infrastrutture urbane più intelligenti, sta cambiando la qualità della governance e la qualità della vita dei residenti, lavoratori e visitatori.

(Fonte: Datasmart)

L'informazione geografica e il geospatial è l'infrastruttura di base per la crescita delle smart cities, in special modo nelle città storiche.

Newsletter

Sottoscrivi la nostra newsletter. Non perdere alcuna notizia.

Non facciamo spam!

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo