Domenica, 30 Aprile 2017
{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}

BIM e Sistemi Informativi Geografici

Internet of Things

I successi del BIM, Building Information Modeling, si vedono in particolar modo nel miglioramento dei processi di progettazione, nell'efficienza della costruzione coordinata e nella snellezza della documentazione. Tutto ciò sempre più spesso in strumenti che consentono la creazione, l'analisi e la gestione di modelli 3D molto dettagliati.

Il BIM sta razionalizzando i progetti per le costruzioni civili e le infrastrutture, con conseguente aumento della velocità di costruzione, una riduzione degli ordini di modifica e conseguenti ritardi, il che porta a costi di realizzazione del progetto più prevedibili.

Il BIM è caratterizzato da diversi livelli di attuazione. Il Livello 1 del BIM si focalizza su come ottenere dati di progettazione 2D e 3D organizzati e standardizzati. Il Livello 2 comprende più standard e si presuppone che chi lo pratica si stia muovendo verso una pratica di modellazione 3D integrata per la progettazione e la costruzione dei flussi di lavoro.

Per le implementazioni di Livello 1 e Livello 2 le tecniche GIS, i dati e gli strumenti disponibili spesso giocano un ruolo fondamentale: durante la progettazione, la costruzione, le soste e le fasi dei grandi progetti, gli ingegneri e i progettisti utilizzano le caratteristiche delle infrastrutture ambientali e geografiche per una migliore comprensione dei progetti nel contesto per la sicurezza, la logistica, e l’analisi dell'impatto sul territorio.

IL Livello 3 del BIM porta l'uso della progettazione e delle informazioni per le costruzioni al di là del singolo progetto. A questo livello aumentano le aspettative che i dati derivanti dalla progettazione e i domini di gestione siano integrati per la gestione delle strutture, le analisi di sicurezza e l'impegno dei cittadini nel perseguimento di iniziative digitali per le smart city che contribuiranno all’intero ciclo di vita della gestione delle infrastrutture. I dati e i flussi di lavoro nel processo BIM stanno aiutando a identificare informazioni importanti, durante le fasi di progettazione e costruzione, come le infrastrutture ricche di sensori e anche il posizionamento di dispositivi nell'​​Internet of Things (IoT) in reti connesse.

BIM e GIS sono necessari per i flussi di lavoro nell’IoT in quanto forniscono informazioni riproposte dai dati di progettazione nel mondo dei Location Based Services entrando nel contesto di altri edifici, infrastrutture e persone che compongono un intero sistema.

Di certo le soluzioni non sono facili e restano molti difficili problemi tecnici da risolvere in quanto gli utenti chiedono la visualizzazione integrata dei contenuti, il flusso bidirezionale delle modifiche, l'interoperabilità attraverso standard e specifiche aperte, e gli strumenti migliori per l'utilizzo di contenuti 3D integrati nei sistemi più consumer-friendly per l’uso e la comunicazione al grande pubblico. La densità delle informazioni BIM spesso non è solo un problema per il tradizionale paradigma di modellazione geospaziale ma anche per la piattaforma di visualizzazione che oggi ubiquitariamente dovrebbe essere o web o mobile.

(Fonte: RivistaGeomedia)

L'informazione geografica e il geospatial è l'infrastruttura di base per la crescita delle smart cities, in special modo nelle città storiche.

Newsletter

Sottoscrivi la nostra newsletter. Non perdere alcuna notizia.

Non facciamo spam!

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo