Martedì, 17 Ottobre 2017
{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}

Dispositivi cVEND: rivoluzione nei pagamenti con carte e biglietti contactless tap&go

Feig Electronic, produttore di dispositivi RFID, presenterà all’UITP 2015 di Milano (dall’8 al 10 giugno) la nuova famiglia di dispositivi cVEND grazie ai quali i pagamenti diventano smart. Le peculiarità elettroniche e fisiche degli apparati agevolano i micro-pagamenti tap-and-go, in piena sicurezza grazie alla certificazione EMV.

 

RFID Global arricchisce la gamma delle proposte tecnologiche con una new entry, non solo di prodotto ma anche di settore applicativo: la famiglia cVEND comprende infatti tre modelli di dispositivi RFID, dal modulo al terminale in box, progettati e realizzati per i pagamenti contactless, ossia micro transazioni monetarie inferiori a 25 Euro. Queste possono essere compiute dall’utente da solo e senza l’ausilio di un operatore (unattended), quindi senza alcuna firma né PIN, con le carte di credito contactless, tra cui MasterCard e Visa, i ticket standard (es. Calypso) e smart phone NFC dotati di app per il pagamento. Distributori automatici (vending machine) di bibite, snack o DVD, stazioni di ricarica auto elettriche (eMobility), biglietterie automatiche per i ticket ATM (eTicketing nei trasporti), chioschi interattivi, totem per l’auto-pagamento del parcheggio e per altri servizi (es. fotocopiatrici) sono solo alcuni dei possibili contesti per integrare i dispositivi cVEND.

La famiglia cVEND si ramifica in tre dispositivi per contactless payment & ticketing nei trasporti pubblici, tutti compatibili con le ultime funzionalità e standard internazionali di sicurezza sui pagamenti e appositamente progettati e realizzati per operare in autonomia e sicurezza in simili ambienti: il modulo cVEND plug, i terminali cVEND box e cVEND box+, quest’ultimo dotato anche di display.

In particolare, cVEND plug è la soluzione smart per convalidare il biglietto a bordo del treno o del bus, il cui ingombro ridotto (diametro di 28.5 mm) ne agevola l’installazione in vari tipi di housing. Grazie al design flessibile, l’utente vede soltanto l’essenziale: l’icona “contactless”.

Appositamente progettata nel design e con le caratteristiche tecniche per i micro-pagamenti con carte di credito e per i ticket nei trasporti pubblici, cVEND plug si integra nelle macchine validatrici “a filo” e viene proposto in due varianti: cVEND flex, la piattaforma flessibile e sicura che permette di sviluppare soluzioni customizzate per il ticketing, e cVEND reader, che può essere usato come dispositivo per il pagamento o per la lettura di card.

cVEND box, invece, appartiene alla famiglia di dispositivi per payment, ed è ideale nei contesti con molto metallo, tra cui le biglietterie automatiche. Il modello cVEND box+ è arricchito da un display.

Con grado di protezione IP65 e resistenti anche ad atti di vandalismo (IK10), i dispositivi cVEND possono ospitare quattro moduli SAM aggiuntivi per la sicurezza delle transazioni monetarie contactless, che si concludono senza un contatto diretto della card sul reader o addirittura anche senza estrarre la card dal portafoglio (la distanza di lettura è infatti di qualche centimetro).

Secondo uno studio condotto da American Express, questa modalità di pagamento “senza contatto” è più veloce di oltre il 50% delle tradizionali procedure con riconoscimento magnetico, contribuendo così a raffinare i servizi a beneficio dell’utente.

Altra nota distintiva del cVEND è la sua capacità performante inalterata, nonostante sia montato e quindi circondato dalla superficie metallica della macchina validatrice (o della vending machine).

Tutti i dispositivi cVEND sono certificati EMVCo Level 2: acronimo delle organizzazioni che si unirono per tutelare la sicurezza nei sistemi di pagamento (Europay, MasterCard e Visa), EMV è il protocollo di comunicazione che stabilisce i requisiti necessari per l’interoperabilità tra le carte di credito dotate di chip da un lato e il terminale che abilita questa procedura dall’altro, certificando a oggi un miliardo di card e oltre 15 milioni di terminali nel mondo. EMV certifica, inoltre, una gamma di performance dei sistemi di pagamento contactless, con l’obiettivo di garantire sicurezza e affidabilità nelle transazioni.

La certificazione EMV rende quindi i dispositivi cVEND compatibili con tutte le ultime generazioni di carte di credito contactless (Visa, MasterCard, American Express, Discover), oltre alle comuni smart card ISO14443-A / -B ed NFC.

La particolare cura dedicata in fase di progettazione alla sicurezza nelle transazioni monetarie è confermata anche dal trasferimento crittografato dei dati dal dispositivo all’host, mentre gli aggiornamenti del firmware sono protetti da algoritmi RSA.

Completano l’identikit tecnico della famiglia cVEND per smart payment la banda di frequenza 13.56 MHz, la conformità agli standard ISO 14443-A / B ed NFC, l’antenna integrata, 4 led e un buzzer integrato per le segnalazioni acustiche nonché un basso consumo energetico.
Dotati di interfacce USB e RS232 e creati in sintonia con i trend di mercato, che registrano una continua crescita di pagamenti con smart phone NFC, i dispositivi cVEND supportano anche gli attuali standard NFC per lo scambio dei dati: avvicinando il cellulare dotato di tecnologia NFC al terminale, quest’ultimo abilita la relativa transazione monetaria.

Il principio della flessibilità dell’hardware cVEND si riflette anche nell’architettura software, con la possibilità di scegliere tra reader c-less (cVEND plug e cVEND box) e la piattaforma basata su Linux: questa sostituisce ulteriori reader, ad esempio nelle macchine validatrici, ed è quindi la leva per creare soluzioni plug-in dai costi contenuti e performante.

Altra nota flessibile, la piattaforma software permette di scegliere tra la certificazione EMVCo Level 2 e un’altra certificazione PCI custom fornita da Feig.
Tutti i dispositivi cVEND sono accompagnati dal proprio Software Development Kit (SDK), per accorciare i tempi di sviluppo della soluzione in piena sicurezza e abilità performante, a cui si aggiungono anche il supporto tecnico e, se richiesto, training personalizzato.

Per incontrare Feig Electronic all’UITP 2015: stand D104, padiglione 4.

(Fonte: Feig Electronic GmbH)

L'informazione geografica e il geospatial è l'infrastruttura di base per la crescita delle smart cities, in special modo nelle città storiche.

Newsletter

Sottoscrivi la nostra newsletter. Non perdere alcuna notizia.

Non facciamo spam!

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo