Domenica, 22 Ottobre 2017
{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}

Dispelix Oy, una spin off dal visore invisibile

#VTT Spin Off

Dispelix Oy è una spin off del Centro di Ricerca fillandese VTT che sta lavorando su una nuova concezione di visori per gli occhiali cosidetti "intelligenti". L'idea proposta consiste nell'integrare il visore direttamente con l'occhiale, ovvero far diventare parte della lente un visore; per i non adetti ai lavori, il visore è quell'oggetto che ci mostra proiettate tutte quelle informazioni che passano attraverso il proprio smartphone. 

L'idea è molto interessante perchè ci permetterebbe di avere un occhiale più simile a quelli utilizzati di solito ma non solo, anche di poter visualizzare immagini ad alta definizione e con dimensioni maggiori.  La mappa di prodotto indica che verso la fine del 2015 le lenti potrebbero essere inserite negli occhiali intelligenti dei consumatori.

Queste lenti-visore, sagomate come si vuole, hanno degli spessori molto sottili, dell'ordine di un millimetro, mantegono la trasperanza di una lente normale e permettono di visualizzare immagini virtuali più grandi e di ottima qualità all'interno del proprio campo visivo.

I valori aggiunti di tipo tecnico di questa nuova soluzione sono in un miglioramento nell'organizzazione dell'occhiale e nello spessore sottile del visore. Dal punto di vista meno tecnico, invece, troviamo un miglioramento nell'aspetto estetico e la possibilità di vedere immagini virtuali direttamente nel campo visivo dell'utilizzatore, riducendo l'affaticamento visivo; le dimensioni dell'immagine virtuale equivalgono circa ad un'immagine osservata ad una TV di 60 pollici distante da noi tre metri.    

Gli occhiali intelligenti insieme ad altri prodotti faranno parte di quell'insieme di dispositivi connessi dall'Internet of Things, elemento importante e di traino all'interno delle Smart Cities, dove forse l'utilizzatore finale diventerà anche lui stesso un sensore in movimento, un nodo di una rete dinamica.

Si ricorda che i mercati relativi alla realtà aumentata e virtuale faranno raggiungere fatturati di circa $150B entro il 2020, dove le parti ottiche occuperanno una fetta di circa $1.5B.

(Fonte: VTT)

 

 

 

 

 

 

 

L'informazione geografica e il geospatial è l'infrastruttura di base per la crescita delle smart cities, in special modo nelle città storiche.

Newsletter

Sottoscrivi la nostra newsletter. Non perdere alcuna notizia.

Non facciamo spam!

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo