Venerdì, 28 Aprile 2017
{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}

L’innovazione di una città parte anche dalle proposte dei primi cittadini dei comuni e delle città metropolitane

#Innovazione

Il tema "innovazione nelle città" è ormai un'espressione di uso comune grazie all'innovazione tecnologica, ai nuovi approcci e modelli adottati dalle amministrazioni, alla progettualità di tipo bottom up e tanto altro. Nello specifico, vediamo alcuni punti come sono trattati.

Nessuna amministrazione sembra oggi mettere in discussione la rilevanza dei temi della trasparenza, supportata dai dati aperti, della partecipazione e della collaborazione, della necessità di dar conto, in corso d’opera, delle proprie decisioni e dei risultati raggiunti (accountability).

Sul principio. La sfida reale, e però dirimente, è rendere l’open government schema di approccio dell’amministrazione, lente sulla base del quale si modula il metodo di governo, il rapporto con gli stakeholder, il coinvolgimento della popolazione. E quindi non elemento accessorio, settore di azione, ma modello che definisce la struttura stessa dell’identità dell’amministrazione.

Perché è questo che rende possibile mettere a sistema la partecipazione. Così come l’approccio a cui tendere per il tema della trasparenza è quello “by design”, sia nel campo specifico della privacy, sia sul fronte degli open data, della trasparenza degli atti amministrativi,  dell’apertura dei dati dei progetti e degli appalti, utilizzando le esperienze già consolidate in ambito europeo. Un approccio nativo, che parte dal ripensamento dei processi organizzativi, e rende la trasparenza e l’apertura naturali e sostenibili, elementi di forza e identitari dell’amministrazione.

Competenze digitali
L’opportunità del digitale si può cogliere soltanto se sono presenti competenze diffuse nella popolazione e specialistiche e di e-leadership nelle organizzazioni e prima di tutto nell’amministrazione. Solo così si può attivare un circolo virtuoso che consente partecipazione attiva e collaborazione insieme a sviluppo e migliore qualità della vita. E d’altra parte, il rischio da evitare, perdurando le attuali gravi carenze sulle competenze digitali, è di uno sviluppo digitale che non migliora o addirittura peggiora le condizioni della popolazione, in termini di partecipazione democratica, di esercizio di cittadinanza, di costi dei servizi.
Per questa ragione il tema delle competenze è cruciale per qualsiasi politica di sviluppo e una delle infrastrutture fondamentali. E quindi le amministrazioni devono farsene carico in modo strutturale, con iniziative e presìdi permanenti. Ed è questo il campo dove le esperienze non mancano, ma la politica non sempre è sembrata consapevole (e i risultati si vedono), e anche dai programmi delle ultime elezioni non si è visto il salto di qualità auspicato.

Servizi Digitali
La situazione tra le città è molto diversificata, con livelli di maturità anche rilevanti. Ma i temi che si possono suggerire da tenere in particolare attenzione sono in gran parte comuni:
•    i servizi digitali si realizzano per essere fruiti, per cui è indispensabile, sempre, il coinvolgimento (living lab, co-progettazione, co-produzione) di chi dovrà utilizzarli;
•    la digitalizzazione dei servizi, soprattutto nel contesto dei dati e delle API aperte, rende necessario, sempre, partire dal ripensamento dei processi e dei ruoli dei diversi attori;
•    la logica di riferimento è quella definita dal modello strategico per l’IT delle PA, di cui la declinazione locale è in corso di definizione ed evoluzione. Alle amministrazioni locali si richiede di essere protagoniste di questo percorso, stimolando chi lo coordina, e anche individuando e proponendo soluzioni ai problemi che naturalmente si incontrano.  Uno dei programmi in cui questo approccio è importante sia chiaramente visibile è Spid.

Connettività
La connettività in banda ultralarga è una condizione indispensabile per tutte le opportunità di miglioramento della qualità della vita abilitate dalle tecnologie, dalla scuola al turismo, dai servizi allo sviluppo delle imprese. E quindi ci si aspetta sia un cruccio dell’amministrazione, naturalmente in correlazione con le regioni e l’amministrazione centrale. È bene preoccuparsi della diffusione del wifi nei siti pubblici, ma il presidio del tema della connettività (e della rapidità della copertura totale almeno a 30Mbps) dovrebbe essere una delle attenzioni maggiori di questi mesi e di questi anni.
Sviluppo e integrazione digitale nei settori economici
L’amministrazione è chiamata, nel suo ambito, alla definizione di una politica industriale del territorio, individuando i settori strategici sui quali realizzare specifiche azioni di abilitazione.
In generale, però, ci si aspetta che sia in grado di stimolare creatività e proattività, fornendo spazi e servizi di supporto, la costituzione di luoghi di progettazione innovativa (fablab, innanzitutto), ma, ancor di più, la costruzione delle condizioni per lo sviluppo di ecosistemi che connettano università, ricerca, imprese. In molti programmi questo approccio era presente, e ci si aspetta che siano declinati in azioni operative.

Smart City
Infine, smart city, che in Italia inizia ad essere desueto ma solo perché è stato concepito e diffuso nel suo concetto degradato di installazione di dispositivi tecnologici (lampioni, telecamere) o settorializzato sul tema (importante) dell’inquinamento. E invece è utile ripartire dal contesto europeo e dai primi passi del Vademecum Anci di qualche anno fa, e quindi dalla sua definizione più ampia che include i temi della mobilità, dell’ambiente, del governo del territorio, dello sviluppo delle pratiche di condivisione. Smart City come modello per il miglioramento della qualità della vita della popolazione, tema trasversale a tutte le aree dell’amministrazione e che più di ogni altro consente di disegnare la visione della città. E quindi da pensare probabilmente come la trama di connessione di tutti gli interventi che si attuano sul territorio.
 
Sarebbe utile che i programmi di mandato delle amministrazioni si confrontassero con questi temi per indicare la linea strategica scelta e, sulla base della consapevolezza della strategicità dell’innovazione e del digitale, trasformarla in programmi operativi, a partire dalle scelte organizzative. Perché innovazione è cambiamento realizzato, concreto, tangibile.

(Fonte: Agenda Digitale)

L'informazione geografica e il geospatial è l'infrastruttura di base per la crescita delle smart cities, in special modo nelle città storiche.

Newsletter

Sottoscrivi la nostra newsletter. Non perdere alcuna notizia.

Non facciamo spam!

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo