Mercoledì, 24 Maggio 2017
{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}

The ISSUE: la mobilità intelligente e verde è possibile integrando ICT e dati geografici.

L'immagine di copertina del rapporto di The ISSUE

Dal traffico congestionato agli impatti sulla salute e sull’ambiente, molti dei problemi della mobilità potrebbero essere risolti con nuove tecnologie, in particolare dall'integrazione di soluzioni ICT con dati e servizi geospaziali. È quanto emerge dal rapporto “Space and ICT Applications supporting Smart, Green, Integrated Transport and Urban Mobility”, prodotto nell’ambito del progetto THE ISSUE (Traffic Health Environment Intelligent Solutions Sustaining Urban Economies) finanziato dall’Unione Europea.

Il rapporto presenta 40 casi studio, che mostrano il ruolo delle nuove tecnologie nel fornire soluzioni fattibili per molte delle sfide che i gestori dei sistemi di trasporto devono affrontare, dalla riduzione delle congestioni, al miglioramento della qualità dell’aria, dalla diminuzione delle emissioni di gas serra, all’integrazione dei sistemi di trasporto, con particolare riguardo alla sicurezza e alla salute dei cittadini. 

Il progetto THE ISSUE recentemente conclusosi dopo un triennio di attività, ha visto collaborare inizialmente 13 partner europei, a cui si sono aggiunti nel tempo altri 30 partner, da undici regioni europee e appartenenti al mondo imprenditoriale, politico ed accademico. I partner italiani sono Sviluppo Italia Molise, l’Università degli studi del Molise ed e-GEOS, società del gruppo Telespazio che si occupa dell’osservazione della terra attraverso tecnologie satellitari.
Il progetto THE ISSUE ha individuato un programma di priorità ed interventi da sviluppare nel periodo 2014-2020, evidenziando la necessità di soluzioni che includano sistemi intelligenti per la pianificazione e gestione del traffico, sistemi in grado di monitorare la qualità dell’aria tramite dati di osservazione da satellite o da aereo, sensori per il monitoraggio e la previsione dei livelli di emissione e per il rilevamento di informazioni necessarie per aumentare la sicurezza del trasporto, servizi di tracciamento delle merci, nuove metodologie di integrazione ed elaborazione di dati provenienti da fonti diverse e sistemi di previsione dei comportamenti. I partner del progetto affermano che effetti reali e trasferibili potranno essere prodotti a partire dai risultati dalle attività di ricerca e sviluppo in corso in Europa con l’ausilio dei finanziamenti Horizon2020 e degli enti regionali e locali.

Per approfondimenti potete consultare il sito del progetto THE ISSUE

(Fonte: Redazionale)

L'informazione geografica e il geospatial è l'infrastruttura di base per la crescita delle smart cities, in special modo nelle città storiche.

Newsletter

Sottoscrivi la nostra newsletter. Non perdere alcuna notizia.

Non facciamo spam!

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo