Giovedì, 29 Giugno 2017
{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}

Il bus del futuro si chiama "olli"

#olli

Una nuova tipologia di bus, denominata "olli" è stato presentata durante l'inaugurazione di un nuovo impianto della Local Motors presso il National Harbor. Questo veicolo elettrico, che può trasportare fino a 12 persone, è dotato di alcune delle tecnologia più avanzato del mondo, tra cui IBM Watson Internet of Things (IoT) per Automotive al fine di migliorare l'esperienza dei passeggeri e di consentire un'interazione uomo-machina (Human-to-Machine) con il veicolo.

Il nuovo bus elettrico, olli, che verrà utilizzato su strade pubbliche a livello locale, e verso la fine del 2016 lo troveremo girare per le strade di Miami-Dade County e Las Vegas. "olli" offre una soluzione intelligente, sicura e sostenibile di trasporto, attesa da tempo", ha detto Rogers, CEO e co-founder della Local Motors. "olli con IBM Watson permette il nostro ingresso nel mondo dei veicoli a guida automatica". Continua Rogers, "ora siamo pronti ad accelerare l'adozione di questa tecnologia e applicarla a quasi tutti i veicoli nel nostro attuale portfolio e in quelli in via di sviluppo nel futuro prossimo. Sono entusiasta di vedere che la nostra Open Comunity realizzerà dei veicoli avanzati con la più recente tecnologia."

olli è il primo veicolo a utilizzare la funzionalità "cloud-based cognitive computing di IBM Watson" per analizzare la situazione ed imparare dai grandi volumi di dati legati al trasporto e prodotti da più di 30 sensori incorporati in tutto il veicolo. Utilizzando il processo di sviluppo di una tipologia di "open bus", verranno aggiunti e modificati continuamente in base alle esigenze dei passeggeri, individuando le preferenze locali in base ai sensori. Inoltre, la piattaforma di sviluppo di olli sfrutta quattro API per sviluppatori Watson - Speech to Text, Natural Language Classifier, Entity Extraction and Text to Speech - per consentire le interazioni senza soluzione di continuità tra il veicolo e i passeggeri.

I passeggeri saranno in grado di interagire e con colloquiare con olli durante il viaggio dal punto A al punto B, discutendo argomenti su come funziona il veicolo, dove stanno andando, e perché olli prende specifiche decisioni di guida. Watson consente ad olli di capire e rispondere alle domande dei passeggeri al loro ingresso il veicolo, della loro destinazione ( "olli, mi puoi prendere in centro?") o di funzioni specifiche del veicolo ("come funziona questo lavoro?" o anche "siamo arrivati? "). I passeggeri possono anche chiedere consigli sulle destinazioni locali, come quali sono i ristoranti popolari o siti storici in base ad un'analisi delle preferenze personali. Queste interazioni con olli sono progettate per creare esperienze più piacevoli, confortevoli, intuitive e interattive per i piloti nel loro cammino nei veicoli autonomi.

"Il cognitive computing offre incredibili opportunità per creare senza precedenti, le esperienze personalizzate per i clienti, sfruttando le enormi quantità di dati in streaming da tutti i dispositivi collegati ad Internet of Things, tra una miriade di sensori e di sistemi presenti nell'automobile", ha dichiarato Harriet Verde, General Manager di IBM Watson Internet of Things. "IBM è entusiasta di lavorare con la Local Motors per infondere le capacità del cognitive computing IBM Watson dell'Internet of Things in olli, alla scoperta di tutto ciò che è possibile in un mondo di veicoli a guida automatica e di fornire un'esperienza unica e personalizzata per ogni passeggero contribuendo a rivoluzionare il futuro del trasporto per gli anni a venire."

Anche se ufficialmente presentato da poco, c'è già l'interesse immediato nel mettere olli in servizio nelle strade pubbliche. Miami-Dade County sta esplorando un progetto pilota in cui diversi veicoli autonomi potrebbero essere utilizzati per il trasporto di persone intorno a Miami. "Migliorare la sostenibilità delle reti di trasporto locale come parte di un obiettivo più ampio per creare città più vivaci, più vivibili e sostenibili all'interno di Miami-Dade County, e migliorare la qualità della vita dei residenti, come nostra priorità", ha detto il sindaco Carlos Gimenez di Miami-Dade County. "Dobbiamo fare di più per migliorare il transito e la mobilità nella nostra comunità e la diffusione di veicoli autonomi come un grande passo verso la direzione futura dei trasporti."

Come esordio di olli, Local Motors ha aperto ufficialmente la sua nuova struttura presso il National Harbor nel Maryland, un luogo pubblico in cui può nascere la co-creazione e può far avanzare più rapidamente le tecnologie dei veicoli. Automobili fatte con la stampa 3D della società sono state esposte, insieme a una stampante 3D di grandi dimensioni, per creare un'esperienza interattiva e co-creativo che mette in mostra ciò che il futuro della capitale potrebbe avere in mano. La programmazione di una formazione STEM è anche in fase di sviluppo in modo che il pubblico possa imparare di più su stampa 3D, sulla sostenibilità, sulla tecnologia a guida autonoma e mettersi in gioco con gli ingegneri della Local Motors e con la comunità di co-creazione.

"National Harbor ha una storia di attrarre siti di shopping, ristoranti e divertimenti unici, quindi siamo un ideale trampolino di lancio per la Local Motors", ha detto Jon Peterson, direttore della Società Peterson, lo sviluppatore di National Harbor. "Siamo entusiasti di dare il benvenuto alla Local Motors e svolgere un ruolo nella rivoluzione del settore dei trasporti."

Il primo bus olli rimarrà nel National Harbor per questa estate, il pubblico sarà in grado di interagire con essa in alcuni periodi nel corso dei prossimi mesi. Lo sviluppo dell'esperienza pilota cognitiva in olli è una collaborazione tra Local Motors e AutoLab di IBM Watson, un motore di incubazione specifico del settore per la co-creazione di applicazioni per la "mobilità cognitive".

La produzione di olli supplementari si sta svolgendo presso la Local Motors nella sede vicino a Phoenix.

(Fonte: IBM)

Tags:

L'informazione geografica e il geospatial è l'infrastruttura di base per la crescita delle smart cities, in special modo nelle città storiche.

Newsletter

Sottoscrivi la nostra newsletter. Non perdere alcuna notizia.

Non facciamo spam!

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo