Domenica, 30 Aprile 2017
{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}

L'interoperabilità è fondamentale per trarre vantaggi dai "Cooperative Intelligent Transport Systems"

#TRIP

È stata fatta "tanta buona ricerca tecnica in Europea sui Cooperative Intelligent Transport Systems (C-ITS)", tuttavia, rimangono alcuni punti significativi da fare e da affrontare con approcci diversi tra le varie parti interessate.

L'ultimo rapporto in tema di ricerca ha tratto le sue conclusioni analizzando un decennio di progetti C-ITS presentati da accademici, politici e organizzazioni del settore privato; questo rapporto fornisce una rassegna completa dei punti di progresso per la standardizzazione e dei principi di interoperabilità, una delle più grandi barriere per l'adozione diffusa della tecnologia in Europa. Per evitare un approccio frammentato alla distribuzione, il rapporto formula una serie di raccomandazioni scientifiche e politiche per aiutare i ricercatori a superare le barriere in ambito trasporto per creare sistemi di trasporto più sicuri e più sostenibili.

C-ITS è un processo di comunicazione e condivisione dei dati tra i differenti componenti del sistema di trasporto - quali veicoli, infrastrutture e pedoni - che può essere utilizzato per evitare collisioni, ridurre le emissioni dei veicoli e consentire al traffico di operare in modo più efficiente. C-ITS è stato identificato in Europa come una tecnologia di base che può andare oltre la capacità dei sistemi di trasporto autonomi, tuttavia il tasso di sviluppo e l'attuazione varia ampiamente a seconda della tecnologia e delle applicazioni.

Il nuovo rapporto analizza i progressi scientifici necessari per permettere l'attuazione del C-ITS e le questioni politiche, giuridiche, etiche che devono essere affrontate durante lo sviluppo. Questi includono la compatibilità dei veicoli altamente automatizzati con la legislazione vigente e le conseguenti effetti sulla responsabilità personale e la colpevolezza. Nonostante queste sfide, è importante che siano individuate e che ci sia già "un sacco di buone pratiche a livello di implementazione" per sostenere C-ITS, e raccomanda una più stretta collaborazione tra il settore privato per colmare le lacune nella capacità di soggetti interessati ed il mondo accademico.

"C-ITS è una tecnologia con un forte potenziale per migliorare notevolmente i sistemi di trasporto non solo in Europa ma in tutto il Mondo", ha detto Gareth Horton, capo analista. "Il nuovo rapporto fornisce una rassegna completa di C-ITS in Europa fino ad oggi, ed è stato reso possibile solo attraverso la condivisione aperta di conoscenza e di ricerca stimolata dal nostro portale "Transport Research & Innovation". Spero che le raccomandazioni formulate forniranno indicazioni per gli accademici in Europa, i responsabili politici e le imprese per trasformare questa tecnologia in realtà."

Per leggere il rapporto, clicca qui...

(Fonte: TRIP)

L'informazione geografica e il geospatial è l'infrastruttura di base per la crescita delle smart cities, in special modo nelle città storiche.

Newsletter

Sottoscrivi la nostra newsletter. Non perdere alcuna notizia.

Non facciamo spam!

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo