Giovedì, 29 Giugno 2017
{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}

I progetti vincitori delle "Good Practice of the Year", edizione 2016

#Renewables Grid Initiative

Lo scorso 23 Giugno al Forum sulle infrastrutture energetiche, "Energy Infrastructure Forum", di Copenhagen sono stati annunciati i tre progetti vincitori che hanno ricevuto il premio "Good Practice of the Year", organizzato da "Renewables Grid Initiative".

I tre progetti vincitori sono risultati innovativi e possono aiutare a migliorare l'integrazione in rete delle energie rinnovabili: "Early Involvement of Landowners" realizzato da Energinet.dk, "Virtual Power Plant Next Pool" sviluppato da Next Kraftwerke GmbH e "Minimise Cable Impact on Marine Ecosystems" di Terna.

"Good Practice of the Year" è un premio che viene assegnato ogni anno dalla Renewables Grid Initiative in collaborazione con una giuria di esperti.

Il primo premio è andato alla "Virtual Power Plant Next Pool"; la Next Kraftwerke GmbH, è un'impresa che utilizza la tecnologia su cloud computing ed il concetto di generazione decentrata per combinare in modo flessibile l'energia prodotta e consumata in un unico impianto di potenza virtuale. La giuria ha scelto questo progetto come vincitore di "Tecnologia & Design", perché è un'ottima pratica per la rete elettrica, un nuovo sistema di alimentazione sostenibile e decentrato. La flessibilità nell'offerta e nellla domanda sarà sempre più necessaria per gestire i periodi di rampa veloci in funzione di errori previsionali di approvvigionamento.

Anche il gestore di rete italiano Terna riceve un premio, nella categoria "Tutela dell'Ambiente" per le soluzioni tecnologiche innovative adottate nella posa di cavi sottomarini che garantiscono l'interconnessione elettrica tra Italia e Malta, contribuendo a ridurre in modo significativo l'impatto del progetto sull'ecosistema e sui fondali del Mediterraneo. Le soluzioni di ingegneria realizzate hanno permesso di limitare in modo significativo l' impatto ambientale sull'ecosistema marino, con particolare riferimento alla tutela della Posidonia oceanica, una pianta originaria acquatica del Mar Mediterraneo, che dà rifugio a numerose specie marine e protegge la costa dall'erosione. 

Per la "Comunicazione e Partecipazione", la giuria ha scelto un progetto che mostra perfettamente quanto sia importante utilizzare le conoscenze locali e di impegnarsi con le parti interessate per la costruzione di nuove reti, come è stato fatto dal gestore della rete danese Energinet.dk che ha coinvolto i proprietari terrieri nella progettazione di un corridoio in modo semplice ma innovativo. Si tratta di un modello di progetto facilmente replicabile per un coinvolgimento significativo in casi difficili e controversi ed è stato valutato molto positivamente dai cittadini interessati.

Per vedere gli altri progetti partecipanti, clicca qui...

(Fonte: Renewables Grid Initiative)

L'informazione geografica e il geospatial è l'infrastruttura di base per la crescita delle smart cities, in special modo nelle città storiche.

Newsletter

Sottoscrivi la nostra newsletter. Non perdere alcuna notizia.

Non facciamo spam!

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo