Mercoledì, 18 Ottobre 2017
{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}

Genova e i suoi 50 progetti di smart city

Porto di Genova

La città di Genova ha avviato diversi progetti che mirano a ripensare la città in termini di smart city, ricordando che è il contesto urbano a descrivere la qualità della vita di ogni cittadino e che il cittadino è l'elemento costituente della città.

 

L’obiettivo di Genova è quello di costruire una città che sappia sfruttare, quindi mettere in pratica, il potenziale dell'alta tecnologia, creando sviluppo sostenibile, mobilità efficiente e opportunità per tutti. Un obiettivo molto ambizioso che ha portato a rivedere la rete dei trasporti in modo più efficace e più pulito, a ridurre i consumi energetici, a rendere le amministrazioni più digitali e trasparenti, sostenere un tipo di cittadinanza proattiva e partecipativa. Pianificare la città del futuro significa sia ridurre gli sprechi di risorse e contemporaneamente migliorare i servizi ai cittadini che essere pionieri di nuovi modelli culturali, che cambino il nostro sviluppo, la nostra economia e in definitiva la nostra comunità.

Grazie a una serie di incontri fra i rappresentanti di tutti coloro che vivono e operano nel territorio cittadino, l'Associazione Genova Smart City ha raggruppato in un decalogo gli aspetti che caratterizzano Genova come una città che vuole essere intelligente: la capacità di una pianificazione e gestione integrate; la consapevolezza energetica; la semplificazione per servizi migliori; la disponibilità di informazioni facili e per tutti; la scelta e l'offerta della mobilità; l'inclusione sociale e sostegno per anziani e persone con disabilità; una maggiore offerta di istruzione e lavoro per i giovani; la realizzazione di progetti competitivi, eccellenti e trasferibili.

50 progetti, alcuni conclusi, diversi avviati da poco ed altri in fase di approvazione, che comprendono diversi settori, ad esempio: la creazione di un nuovo centro di raccolta differenziata capace di separare ed imballare i singoli materiali, quindi alluminio, acciaio, carta, cartone e tetrapack; l'introduzione di cassonetti smart con calotte tecnologiche; l'installazione di 17 nuove infrastrutture di ricarica, delle quali 13 a disposizione dei cittadini e 4 per il servizio di carsharing; la creazione di una piattaforma dell'internet delle cose e l'introduzione del cloud; la definizione di un piano energetico portuale e tanti altri progetti per un totale di investimenti pari a 118.858.901,34 euro su una popolazione di 610.307 abitanti.

(Fonte: Italian Smart City)

 

 

 

 

 

 

 

L'informazione geografica e il geospatial è l'infrastruttura di base per la crescita delle smart cities, in special modo nelle città storiche.

Newsletter

Sottoscrivi la nostra newsletter. Non perdere alcuna notizia.

Non facciamo spam!

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo