Domenica, 30 Aprile 2017
{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}

HeERO, un progetto pilota per creare un servizio unico di emergenza europeo

#HeERO

HeERO (Harmonised eCall European pilot), un progetto iniziato nel 2011 per creare l'infrastruttura necessaria a sostenere un servizio di emergenza pan-europeo 112 "eCall" sulla base degli standard europei comuni definiti ed approvati dali organismi europei di standardizzazione.

HeERO è un progetto pilota che ha coinvolto nel tempo diversi siti pilota a livello nazionale ed internazionale; nella prima fase (HeERO1) sono stati coinvolti nel consorzio paesi come la Romania, la Germania, la Repubblica Ceca, la Finlandia, l'Italia, l'Olanda, la Grecia, la Croazia e la Svezia, per predisporre l'implementazione in Europa della necessaria infrastruttura per trasformare in realtà il servizio di emergenza pan-europeo eCall armonizzato e interoperativo.

Finita la prima fase di HeERO, altri 6 paesi europei si sono aggiunti al consorzio (1 Gennaio 2013), quali Belgio, Bulgaria, Danimarca, Lussemburgo, Spagna e Turchia dando il via alla sperimentazione dell'eCall, e quindi alla fase due di HeERO (HeERO2). Il progetto ha incluso anche attività sperimentali incrociate con il sistema ERA-Glonass russo.

HeERO parte da due condizioni di primaria importanza, dalle quali dipenderà il successo delle operazioni:    

  • interoperabilità e continuità transfrontaliera: la possibilità per ogni veicolo di qualsiasi Paese europeo che viaggi in Europa di utilizzare il servizio eCall in caso di incidente grave è una delle linee guida fondamentali. L'aspetto dell'interoperabilità riguarda non solo l'aspetto tecnico ma anche quello operativo.
  • armonizzazione: il sistema eCall potrà funzionare correttamente in tutta Europa solo se sviluppato in modo armonico nei differenti paesi, rispettando contemporaneamente le differenti implementazioni nazionali. L'utilizzo del numero di emergenza unico 112/E112 rappresenta il primo aspetto di tale approccio armonizzato.

HeERO agisce non solo a livello nazionale ma anche a livello internazionale; grazie alla collaborazione con una piattaforma europea, Ertico-ITS Europe, nata nel 1991 e dove c'è  una forte cooperazione tra gli stakeholder più rilevanti nel settore dei Sistemi di Trasporto Intelligenti (ITS), è stato possibile incoraggiare altri paesi a diventare dei siti pilota. Tra i vari siti coinvolti, ci sono circa 11 siti pilota di tipo internazionale.

Infine l'ultima fase di questo ampio progetto è "I-HeERO", dove "I" è intesa come "infrastructure", ovvero quella fase relativa all'armonizzazione in modo da aiutare la diffusione del servizio che dovrà diventare obbligatorio dal 1 Ottobre 2017.

(Fonte: progetto HeEro)

 

 

 

 

L'informazione geografica e il geospatial è l'infrastruttura di base per la crescita delle smart cities, in special modo nelle città storiche.

Newsletter

Sottoscrivi la nostra newsletter. Non perdere alcuna notizia.

Non facciamo spam!

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo