Martedì, 18 Dicembre 2018
{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}

Dopo alcuni mesi dall'approvazione del progetto *3Esse (Smart environment - Smart mobility - Smart governance) per la promozione della sostenibilità con nuove tecnologie di comunicazione e di rete, finanziato dalla Regione Puglia nell'ambito del Programma Operativo Convergenza FESR - ASSE I - Linea d'intervento 1.5.2 Patti per la città, sono stati pubblicati gli avvisi pubblici per le selezioni e la istituzione degli Albo Fornitori per l'erogazione dei servizi e delle forniture previste nel progetto.

La ricostruzione 3D del tempio di Apollo

Nell’ambito del bando indetto dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) in accordo con l’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI) in merito al Progetto Smart Cities, coordinato dal Dipartimento di Ingegneria, ICT e Tecnologie per l’Energia e i Trasporti (DIITET) del CNR, la città di Siracusa si è aggiudicata il primo posto nella categoria “Centro storico” per aver presentato la migliore ipotesi di intervento, inclusiva della riduzione degli attuali consumi energetici, mettendo a disposizione, come area di sperimentazione, l’isola di Ortigia, Patrimonio dell’Unesco dal 2005 e l’Area Archeologica di Neapolis.

 

Il Presidente del Comitato Tecnico Comunità Intelligenti dell'Agenzia per l'Italia Digitale (AgID) spiega su agendadigitale.eu perché le smart city hanno sprecato 800 milioni di euro pubblici e come il Comitato intende rimediare con il Piano Nazionale che sarà presentato a febbraio al premier Renzi.
Il Comitato ha lavorato questi mesi per mettere a punto il Piano che prevede:

L'informazione geografica e il geospatial è l'infrastruttura di base per la crescita delle smart cities, in special modo nelle città storiche.

Newsletter

Sottoscrivi la nostra newsletter. Non perdere alcuna notizia.

Non facciamo spam!

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo