Mercoledì, 26 Aprile 2017
{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}

Technology

10 tecnologie consolidate in prova sul campo per difendere il Territorio e il Patrimonio Culturale

#tfa2016

Nella prima giornata del TECHNOLOGY for ALL, il  Forum dell’innovazione tecnologica che si terrà presso la Sala Conferenze 'Auditorium' della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma dal 4 al 6 ottobre p.v., una dimostrazione d'intervento sul Territorio e sul Patrimonio Culturale sarà svolta nel sito archeologico detto di Massenzio, situato tra il secondo e il terzo miglio sull'Appia Antica a Roma.

Le 10 tecnologie di base che verranno illustrate in azione direttamente da esperti, ricercatori e operatori del settore sono di seguito brevemente descritte:

1. Laser Scanner, una tecnologia recentemente messa a punto standardizzandone l’uso in contesti definiti, che consente l’acquisizione di nuvole di punti 3D finalizzate alla realizzazione di modelli tridimensionali dell’oggetto in esame. Particolarmente adatta alla veloce acquisizione di riproduzioni molto fedeli al reale, si dimostra di rilevante importanza al fine di acquisire tutti i dati geometrici che potrebbero essere necessari anche per ricostruire un oggetto distrutto da una calamità naturale, come i monumenti distrutti dal terremoto. Saranno mostrati Laser Scanner a tempo di volo e a modulazione di fase in vari contesti tra cui Mausoleo di Romolo, ripreso in interno ed esterno al fine della realizzazione del modello 3D da archivio documentale. (#laserscanner)

2. Total Station, i rilievi elettro–ottici, effettuati con l’evoluzione delle vecchie macchine topografiche da rilievo (teodoliti), consentono oggi acquisizione di dati di altissima precisione in grande velocità e con la possibilità di evitare di recarsi sull’oggetto del rilievo. Saranno mostrate analisi di verticalità di sezioni murarie atte alla definizione della staticità con particolare riguardo alle azioni del terremoto, sulla Loggia imperiale del Circo di Massenzio. (#totalstation)

3. Droni, per fotogrammetria aerea, idonea ad acquisire dati geometrici per l’analisi delle pendenze del terreno, la sua descrizione geometrica e l'eventuale presenza di strutture sotterranee. Sarà mostrato un test con il fine di definire l’impianto idraulico sottostante al Circo di Massenzio. L’uso di sensori infrared o multispettrali in genere, congiuntamente ai sensori ottici, rivelerà tracce fondamentali sulle infrastrutture idriche sotterranee. (#droni)

4. Image processing, per visualizzare ciò che l'occhio umano non vede: multispectral imaging, spectral analysis, image processing e color management. L’oggetto di indagine in prova sarà fornito da pitture parietali che vanno dall’epoca romana al secolo scorso, realizzate nelle strutture presenti nell’area archeologica di Massenzio. (#imageprocessing)

5. Realtà Virtuale, realizzata tramite rilievo integrato con laser scanner e camere fotografiche. Un test nell’area del Circo di Massenzio e dei resti della Torre dei Carceres, con relativo processamento dei dati al fine di realizzare un prodotto per la navigazione virtuale con visori immersivi. (#realtavirtuale)

6. 3D model, tramite acquisizione di nuvole di punti con sistemi scanner o fotogrammetrici per la realizzazione di modelli tridimensionali atti alla riproduzione con stampa 3D di reperti marmorei. Il test sarà realizzato su reperti da definire presenti nell’area archeologica di Massenzio. (#3Dmodel)

7. Mobile Mapping, per l’acquisizione di dati del territorio circostante tramite un sistema di laser e camere, trasportati sia da un mezzo meccanico che dall'uomo. Mobile Mapping con auto, con operatore a piedi e zainetto. Il test si svolgerà lungo l'asse viario dell'Appia Antica, per la tutela e conoscenza dettagliata del suo intorno. (#mobilemapping)

8. GNSS, è il modo più appropriato di chiamare oggi il GPS. Si realizzerà una rete geodetica monumentata con determinazione delle coordinate da sistema satellitare ad uso delle future squadre di rilevamento archeologico e topografico che lavoreranno nell'area circostante all'Appia Antica. (#gnss)

9. Satellite, l’osservazione della Terra effettuata con sensori satellitari, consente di vedere anche al di la del normale visibile umano. I sensori radar ad esempio ci consentono di vedere i movimenti di grandi porzioni del territorio e le deformazioni dello stesso, spesso anche poco prima di un terremoto,  mentre radiazioni particolari possono essere visualizzate da sensori con rivelazione di ciò che a volte non è visibile dall’occhio umano. (#satellite)

10. GIS, il sistema informativo geografico è una tecnologia nata ai primi albori dell’età informatica, sempre più presente nella nostra vita quotidiana. Oggi tutto è geografico, georeferenziato e dipendente dalla posizione nostra e degli oggetti di nostro interesse. Il GIS fornisce un strumento di analisi del territorio che ci circonda consentendo di sovrapporre conoscenze, processi ed informazioni per farli interagire in modalità atta ad una comprensione immediata dei fenomeni. (#gis)

Le dieci parole chiave, rappresentanti le dieci tecnologie in mostra, potrebbero configurarsi come il vademecum per l’ausilio anche alla pressante emergenza del terremoto che, ancora una volta, ha tragicamente colpito l'Italia Centrale. In questa area opportunamente orientata a presentazione a campione di quelle tecnologie che si dimostrano adatte alla documentazione per la protezione del patrimonio esposto al rischio sismico nei centri storici con ragguagliata pubblicità di esposizione e documentazione delle prove documentali conseguibili con realizzazione di modelli 3D attuabili nell'immediatezza e nell'urgenza di una prevenzione dalla calamità naturale.

Vi ricordiamo che l'evento TECHNOLOGY for ALL è gratuito ma per partecipare è necessario iscriversi, clicca qui...

(Fonte: Technologyforall)

L'informazione geografica e il geospatial è l'infrastruttura di base per la crescita delle smart cities, in special modo nelle città storiche.

Newsletter

Sottoscrivi la nostra newsletter. Non perdere alcuna notizia.

Non facciamo spam!

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo